Introduzione: Recentemente la TMS ripetitiva (rTMS) è stata usata per inibire la corteccia motoria sana (M1S) in pazienti con stroke unilaterale, in modo da ridurre transitoriamente l’eccessiva inibizione trascallosale sulla corteccia motoria dell’emisfero leso (M1L) e aumentare conseguentemente l’eccitabilità di M1L. In questo studio indaghiamo l’effetto a lungo termine di un trattamento che combina l’inibizione di M1S e un trattamento riabilitativo (TR) task-oriented in pazienti con esiti di ictus che comportino paresi di entità moderata. Materiali e Metodi: Trenta pazienti a più di sei mesi dallo stroke sono stati arruolati in un trial clinico doppio-cieco randomizzato condotto presso gli Ospedali Riuniti di Ancona. I pazienti ricevevano 10 sessioni giornaliere di rTMS a bassa frequenza (1Hz) su M1S. In gruppi diversi, la stimolazione poteva essere attiva (rTMS-A) o sham (rTMS-S) e poteva essere somministrata immediatamente prima o dopo la seduta di TR condotta con il fisioterapista. Il TR era teso a migliorare la destrezza e la forza della key-grip (presa a chiave). Le misure di outcome includevano la destrezza (Jebsen-Taylor, Box&Block, e Nine hole test), la forza (key-grip), l’inibizione trascallosale e l’eccitabilità delle cortecce motorie ed erano monitorate per tre mesi successivi alla fine del trattamento. Risultati: Dopo rTMS-A si assisteva ad una riduzione di inibizione trascallosale da M1S a M1L e a un aumento di eccitabilità di M1L. Tutti i gruppi presentavano dei miglioramenti nelle abilità esercitate (destrezza e forza manuale). Nei pazienti sottoposti a rTMS-S (linee grigie nel grafico), i miglioramenti erano modesti e transitori. Nei pazienti sottoposti a rTMS-A, i miglioramenti erano significativamente maggiori e perduravano per almeno tre mesi. I pazienti sottoposti a rTMS-A immediatamente prima del TR (linee nere), mostravano miglioramenti robusti e stabili per tutti i follow-up. I pazienti sottoposti a rTMS-A dopo il TR (linee rosse), mostravano un miglioramento tendente al declino negli ultimi follow-up. Conclusioni: I nostri risultati suggeriscono che la rTMS-A prima del TR favorisce la plasticità uso-dipendente e ri-bilancia l’eccitabilità nelle due cortecce motorie. Il trattamento combinato appare un approccio valido e promettente per pazienti con stroke e disturbi motori. Lo studio fornisce evidenza di Classe I che la rTMS prima o dopo il TR migliora misure di destrezza e forza nell’arto malato in pazienti con disturbi motori a più di sei mesi dall’ictus (Avenanti et al., 2012). Bibliografia: Avenanti, Coccia, Ladavas, Provinciali, Ceravolo (2012) Low-frequency rTMS promotes use-dependent motor plasticity in chronic stroke. A randomized trial. Neurology. 2012;78:256-64

La TMS inibitoria potenzia la plasticità motoria in pazienti con stroke: un trial clinico randomizzato / Avenanti A; Coccia M; Ladavas E; Provinciali L; Ceravolo MG. - (2012), pp. 14-14. (Intervento presentato al convegno XII Congresso Nazionale SIRN tenutosi a Milano nel 03-05/05/2012).

La TMS inibitoria potenzia la plasticità motoria in pazienti con stroke: un trial clinico randomizzato

AVENANTI, ALESSIO;LADAVAS, ELISABETTA;
2012

Abstract

Introduzione: Recentemente la TMS ripetitiva (rTMS) è stata usata per inibire la corteccia motoria sana (M1S) in pazienti con stroke unilaterale, in modo da ridurre transitoriamente l’eccessiva inibizione trascallosale sulla corteccia motoria dell’emisfero leso (M1L) e aumentare conseguentemente l’eccitabilità di M1L. In questo studio indaghiamo l’effetto a lungo termine di un trattamento che combina l’inibizione di M1S e un trattamento riabilitativo (TR) task-oriented in pazienti con esiti di ictus che comportino paresi di entità moderata. Materiali e Metodi: Trenta pazienti a più di sei mesi dallo stroke sono stati arruolati in un trial clinico doppio-cieco randomizzato condotto presso gli Ospedali Riuniti di Ancona. I pazienti ricevevano 10 sessioni giornaliere di rTMS a bassa frequenza (1Hz) su M1S. In gruppi diversi, la stimolazione poteva essere attiva (rTMS-A) o sham (rTMS-S) e poteva essere somministrata immediatamente prima o dopo la seduta di TR condotta con il fisioterapista. Il TR era teso a migliorare la destrezza e la forza della key-grip (presa a chiave). Le misure di outcome includevano la destrezza (Jebsen-Taylor, Box&Block, e Nine hole test), la forza (key-grip), l’inibizione trascallosale e l’eccitabilità delle cortecce motorie ed erano monitorate per tre mesi successivi alla fine del trattamento. Risultati: Dopo rTMS-A si assisteva ad una riduzione di inibizione trascallosale da M1S a M1L e a un aumento di eccitabilità di M1L. Tutti i gruppi presentavano dei miglioramenti nelle abilità esercitate (destrezza e forza manuale). Nei pazienti sottoposti a rTMS-S (linee grigie nel grafico), i miglioramenti erano modesti e transitori. Nei pazienti sottoposti a rTMS-A, i miglioramenti erano significativamente maggiori e perduravano per almeno tre mesi. I pazienti sottoposti a rTMS-A immediatamente prima del TR (linee nere), mostravano miglioramenti robusti e stabili per tutti i follow-up. I pazienti sottoposti a rTMS-A dopo il TR (linee rosse), mostravano un miglioramento tendente al declino negli ultimi follow-up. Conclusioni: I nostri risultati suggeriscono che la rTMS-A prima del TR favorisce la plasticità uso-dipendente e ri-bilancia l’eccitabilità nelle due cortecce motorie. Il trattamento combinato appare un approccio valido e promettente per pazienti con stroke e disturbi motori. Lo studio fornisce evidenza di Classe I che la rTMS prima o dopo il TR migliora misure di destrezza e forza nell’arto malato in pazienti con disturbi motori a più di sei mesi dall’ictus (Avenanti et al., 2012). Bibliografia: Avenanti, Coccia, Ladavas, Provinciali, Ceravolo (2012) Low-frequency rTMS promotes use-dependent motor plasticity in chronic stroke. A randomized trial. Neurology. 2012;78:256-64
2012
XII Congresso Nazionale SIRN - Abstract book
14
14
La TMS inibitoria potenzia la plasticità motoria in pazienti con stroke: un trial clinico randomizzato / Avenanti A; Coccia M; Ladavas E; Provinciali L; Ceravolo MG. - (2012), pp. 14-14. (Intervento presentato al convegno XII Congresso Nazionale SIRN tenutosi a Milano nel 03-05/05/2012).
Avenanti A; Coccia M; Ladavas E; Provinciali L; Ceravolo MG
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/400240
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact