L'articolo rivolge una particolare attenzione alla ‘pinacoteca’ di Canetti, al suo rapporto con le immagini e con alcuni grandi quadri decisivi per la messa a fuoco della sua problematica di scrittura, di pensiero e di individuazione dei processi emotivi. Le immagini del copista, a differenza di quelle sulle quali si concentra Canetti, sono basate sulla imitazione e sulla simulazione, sono semplici inizi incompiuti di metamorfosi che distolgono dall’esperienza dei lati oscuri della vita anziché aprire a essi e finiscono per rinchiudere nel circolo identitario tra modello e copia anziché produrre la trasformazione che si dà nella dinamica di identificazione. Le immagini di Canetti, invece, i quadri di Grünewald, Brueghel e Rembrandt, sono formule di pathos, immagini della memoria e dell’apertura, e dischiudono il campo della metamorfosi e della identificazione come via di accesso a una realtà dominata dall’orrore e dal dolore che gli esseri umani si infliggono gli uni gli altri. Tali immagini rendono possibile dare una forma sensibile agli aspetti più duri e difficili del reale, e nel contempo permettono di fronteggiarli senza farsi distruggere da essi e di rielaborarli trasformando se stessi.

“Der Finger des Johannes”. La pinacoteca de Elías Canetti y el recuerdo del horror / A. Borsari. - In: DAIMON. - ISSN 1130-0507. - STAMPA. - XVIII:38(2006), pp. 137-144.

“Der Finger des Johannes”. La pinacoteca de Elías Canetti y el recuerdo del horror

BORSARI, ANDREA
2006

Abstract

L'articolo rivolge una particolare attenzione alla ‘pinacoteca’ di Canetti, al suo rapporto con le immagini e con alcuni grandi quadri decisivi per la messa a fuoco della sua problematica di scrittura, di pensiero e di individuazione dei processi emotivi. Le immagini del copista, a differenza di quelle sulle quali si concentra Canetti, sono basate sulla imitazione e sulla simulazione, sono semplici inizi incompiuti di metamorfosi che distolgono dall’esperienza dei lati oscuri della vita anziché aprire a essi e finiscono per rinchiudere nel circolo identitario tra modello e copia anziché produrre la trasformazione che si dà nella dinamica di identificazione. Le immagini di Canetti, invece, i quadri di Grünewald, Brueghel e Rembrandt, sono formule di pathos, immagini della memoria e dell’apertura, e dischiudono il campo della metamorfosi e della identificazione come via di accesso a una realtà dominata dall’orrore e dal dolore che gli esseri umani si infliggono gli uni gli altri. Tali immagini rendono possibile dare una forma sensibile agli aspetti più duri e difficili del reale, e nel contempo permettono di fronteggiarli senza farsi distruggere da essi e di rielaborarli trasformando se stessi.
2006
“Der Finger des Johannes”. La pinacoteca de Elías Canetti y el recuerdo del horror / A. Borsari. - In: DAIMON. - ISSN 1130-0507. - STAMPA. - XVIII:38(2006), pp. 137-144.
A. Borsari
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/398818
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact