La circoscrizione dell’ambito della «letteratura» alle belles-lettres non solo ha tradizionalmente falsato o reso irriconoscibili i profili di traduttori di belles-lettres, ma ha ignorato un dato fondamentale cui occorre invece rendere ragione: nel transfert culturale di un secolo – il Settecento – caratterizzato da una concezione transdisciplinare delle conoscenze sono le «scienze sode» a fare la parte del leone. E le «scienze sode» («solide Wissenschaften») presuppongono criteri traduttivi specifici, su cui non esistono quasi ricerche, a causa dell’appiattimento delle indagini su testi contemporanei.

Introduzione / Giulia Cantarutti; Stefano Ferrari. - STAMPA. - (2013), pp. 7-9.

Introduzione

CANTARUTTI, GIULIA;
2013

Abstract

La circoscrizione dell’ambito della «letteratura» alle belles-lettres non solo ha tradizionalmente falsato o reso irriconoscibili i profili di traduttori di belles-lettres, ma ha ignorato un dato fondamentale cui occorre invece rendere ragione: nel transfert culturale di un secolo – il Settecento – caratterizzato da una concezione transdisciplinare delle conoscenze sono le «scienze sode» a fare la parte del leone. E le «scienze sode» («solide Wissenschaften») presuppongono criteri traduttivi specifici, su cui non esistono quasi ricerche, a causa dell’appiattimento delle indagini su testi contemporanei.
2013
Traduzione e transfert nel XVIII secolo tra Francia, Italia e Germania
7
9
Introduzione / Giulia Cantarutti; Stefano Ferrari. - STAMPA. - (2013), pp. 7-9.
Giulia Cantarutti; Stefano Ferrari
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/398436
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact