Anche a seguito della pubblicazione (1990) di Qu’est-ce que la critique? di Michel Foucault, è ripresa negli ultimi tre decenni la discussione sul senso e la portata della nozione di «critica» tra coloro che a vario titolo si richiamano all’eredità francofortese. L’articolo discute la ricerca di Michele Salonia – allievo di Axel Honneth – che si propone di offrire una prospettiva unitaria sul pensiero di Walter Benjamin a partire dal problema della critica e di immettere nel discorso filosofico attuale l’effetto dirompente di un esempio paradigmatico di critica che sfugge alla riduzione a giudizio secondo criteri prestabiliti. La ricostruzione così risultante può lasciare a tratti perplessi e insoddisfatti, ma mostra grande efficacia nel fornire una prospettiva sistematica sul percorso di Benjamin e nel farla agire in direzione contraria anche all’idea di critica prevalente nell’ambiente francofortese in cui il lavoro è radicato: contrappone il momento critico della rottura delle dinamiche discorsive alla riaffermazione habermasiana del linguaggio come medium dell’agire comunicativo orientato al consenso; distingue il procedimento honnethiano di critica immanente, che applica all’oggetto i criteri da esso ricavati, da quello benjaminiano, che si limita a svolgere l’idea dell’arte che l’opera d’arte in sé custodisce; fa propria l’idea secondo la quale «tutta la filosofia benjaminiana può essere detta “critica” proprio in quanto cerca sempre di rendere giustizia a ciò che si presenta nel segno dell’incompiutezza e di una creaturale caducità».

Michele Salonia – Walter Benjamins Theorie der Kritik / A. Borsari. - In: IRIDE. - ISSN 1122-7893. - STAMPA. - XXV:67(2012), pp. 660-662.

Michele Salonia – Walter Benjamins Theorie der Kritik

BORSARI, ANDREA
2012

Abstract

Anche a seguito della pubblicazione (1990) di Qu’est-ce que la critique? di Michel Foucault, è ripresa negli ultimi tre decenni la discussione sul senso e la portata della nozione di «critica» tra coloro che a vario titolo si richiamano all’eredità francofortese. L’articolo discute la ricerca di Michele Salonia – allievo di Axel Honneth – che si propone di offrire una prospettiva unitaria sul pensiero di Walter Benjamin a partire dal problema della critica e di immettere nel discorso filosofico attuale l’effetto dirompente di un esempio paradigmatico di critica che sfugge alla riduzione a giudizio secondo criteri prestabiliti. La ricostruzione così risultante può lasciare a tratti perplessi e insoddisfatti, ma mostra grande efficacia nel fornire una prospettiva sistematica sul percorso di Benjamin e nel farla agire in direzione contraria anche all’idea di critica prevalente nell’ambiente francofortese in cui il lavoro è radicato: contrappone il momento critico della rottura delle dinamiche discorsive alla riaffermazione habermasiana del linguaggio come medium dell’agire comunicativo orientato al consenso; distingue il procedimento honnethiano di critica immanente, che applica all’oggetto i criteri da esso ricavati, da quello benjaminiano, che si limita a svolgere l’idea dell’arte che l’opera d’arte in sé custodisce; fa propria l’idea secondo la quale «tutta la filosofia benjaminiana può essere detta “critica” proprio in quanto cerca sempre di rendere giustizia a ciò che si presenta nel segno dell’incompiutezza e di una creaturale caducità».
2012
Michele Salonia – Walter Benjamins Theorie der Kritik / A. Borsari. - In: IRIDE. - ISSN 1122-7893. - STAMPA. - XXV:67(2012), pp. 660-662.
A. Borsari
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/397896
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact