Introduzione: Il valore diagnostico del Quantiferon-TB Gold In-Tube (QFT-IT; Qiagen) nei pazienti pediatrici è ancora oggetto di dibattito. Scopo di questo studio è stato valutare la performance diagnostica del QFT-IT in un’ampia popolazione di bambini in base alla loro origine, in un’area italiana a bassa incidenza di tubercolosi (TB) ma con alti flussi migratori. Metodi: Abbiamo valutato retrospettivamente i risultati del test QFT-IT eseguito su 445 bambini afferenti alla Pneumologia Pediatrica del Policlinico S. Orsola-Malpighi nel periodo 2007-2012 e stratificati in tre gruppi: nati in Italia da famiglia italiana (n=169) o da famiglia immigrata (n=180) e nati all’estero (n=96). Risultati: Il test QFT-IT è risultato positivo nel 9%, 17% e 25% rispettivamente dei bambini italiani, dei nati in Italia da famiglia immigrata e dei nati all’estero; negativo nell’82%, 80% e 73% e indeterminato nel 9%, 3% e 2% dei medesimi gruppi. I QFT-IT risultati positivi erano associati più frequentemente e in maniera statisticamente significativa nei bambini nati all’estero o da famiglia immigrata (p=0.001). La diagnosi era disponibile in 353 (79%) bambini. L’infezione tubercolare latente (ITBL) è stata diagnosticata in 30 (8%) casi, con una frequenza del 6% nei bambini italiani, 7% nei nati in Italia da famiglia immigrata e 15% nei nati all’estero. La diagnosi di TB attiva è stata posta in 39 (11%) casi, con una frequenza del 6% nei bambini italiani, 13% nei nati in Italia da famiglia immigrata e 15% nei nati all’estero. Il test QFT-IT è risultato positivo in tutti i casi di ITBL e TB attiva, eccetto due casi per ciascuna diagnosi, mostrando una sensibilità del 94% e una specificità del 98%. Conclusioni: Il test QFT-IT si è dimostrato altamente sensibile e specifico in pazienti pediatrici e ha contribuito a evidenziare la frequenza di ITBL e TB attiva nei bambini italiani e stranieri.

Utilita’ diagnostica del test Quantiferon-TB nei pazienti pediatrici in un’area a bassa incidenza di tubercolosi con alto tasso di immigrazione / Denicolò A; Lombardi G; Dal Monte P; Tancredi MA; Petrucci R; Corsini I; Cazzato S; Landini MP. - (2013). (Intervento presentato al convegno 42° Congresso Nazionale dell’Associazione Microbiologi Clinici Italiani tenutosi a Rimini nel 12-15 Novembre 2013).

Utilita’ diagnostica del test Quantiferon-TB nei pazienti pediatrici in un’area a bassa incidenza di tubercolosi con alto tasso di immigrazione

LOMBARDI, GIULIA;DAL MONTE, PAOLA;CAZZATO, SALVATORE;LANDINI, MARIA PAOLA
2013

Abstract

Introduzione: Il valore diagnostico del Quantiferon-TB Gold In-Tube (QFT-IT; Qiagen) nei pazienti pediatrici è ancora oggetto di dibattito. Scopo di questo studio è stato valutare la performance diagnostica del QFT-IT in un’ampia popolazione di bambini in base alla loro origine, in un’area italiana a bassa incidenza di tubercolosi (TB) ma con alti flussi migratori. Metodi: Abbiamo valutato retrospettivamente i risultati del test QFT-IT eseguito su 445 bambini afferenti alla Pneumologia Pediatrica del Policlinico S. Orsola-Malpighi nel periodo 2007-2012 e stratificati in tre gruppi: nati in Italia da famiglia italiana (n=169) o da famiglia immigrata (n=180) e nati all’estero (n=96). Risultati: Il test QFT-IT è risultato positivo nel 9%, 17% e 25% rispettivamente dei bambini italiani, dei nati in Italia da famiglia immigrata e dei nati all’estero; negativo nell’82%, 80% e 73% e indeterminato nel 9%, 3% e 2% dei medesimi gruppi. I QFT-IT risultati positivi erano associati più frequentemente e in maniera statisticamente significativa nei bambini nati all’estero o da famiglia immigrata (p=0.001). La diagnosi era disponibile in 353 (79%) bambini. L’infezione tubercolare latente (ITBL) è stata diagnosticata in 30 (8%) casi, con una frequenza del 6% nei bambini italiani, 7% nei nati in Italia da famiglia immigrata e 15% nei nati all’estero. La diagnosi di TB attiva è stata posta in 39 (11%) casi, con una frequenza del 6% nei bambini italiani, 13% nei nati in Italia da famiglia immigrata e 15% nei nati all’estero. Il test QFT-IT è risultato positivo in tutti i casi di ITBL e TB attiva, eccetto due casi per ciascuna diagnosi, mostrando una sensibilità del 94% e una specificità del 98%. Conclusioni: Il test QFT-IT si è dimostrato altamente sensibile e specifico in pazienti pediatrici e ha contribuito a evidenziare la frequenza di ITBL e TB attiva nei bambini italiani e stranieri.
2013
42° Congresso Nazionale dell’Associazione Microbiologi Clinici Italiani
Utilita’ diagnostica del test Quantiferon-TB nei pazienti pediatrici in un’area a bassa incidenza di tubercolosi con alto tasso di immigrazione / Denicolò A; Lombardi G; Dal Monte P; Tancredi MA; Petrucci R; Corsini I; Cazzato S; Landini MP. - (2013). (Intervento presentato al convegno 42° Congresso Nazionale dell’Associazione Microbiologi Clinici Italiani tenutosi a Rimini nel 12-15 Novembre 2013).
Denicolò A; Lombardi G; Dal Monte P; Tancredi MA; Petrucci R; Corsini I; Cazzato S; Landini MP
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/394572
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact