Ancora sulla “morte di bacio” e la sua fortuna tra Rinascimento e Barocco