Figure dell’abbandono. Permanenza e variazioni di un paradigma antropologico e del suo 'lessico'