La traduzione come atto ermeneutico: tradurre e "comprendere diversamente"