L'articolo affronta le controverse tematiche relative alla rappresentanza etnopolitica nelle istituzioni bosbniaco-erzegovesi come conseguenza della guerra che ha dilaniato la Jugoslavia dal 1991 al 1995 e del seguente Trattato di Dayton, imposto dagli Stati Uniti. In particolare, l'articolo si sofferma sugli aspetti più discussi relativi al rapporto fra etnopolitica ed efficienza del processo di assunzione delle decisioni: temi, qesti, che costituiscono l'oggetto di riforme costituzionali tentate a più riprese, ma fino ad ora fallite.

Etno-politica e State-building: il problema controverso dell’efficienza istituzionale in Bosnia-Erzegovina

BIANCHINI, STEFANO
2005

Abstract

L'articolo affronta le controverse tematiche relative alla rappresentanza etnopolitica nelle istituzioni bosbniaco-erzegovesi come conseguenza della guerra che ha dilaniato la Jugoslavia dal 1991 al 1995 e del seguente Trattato di Dayton, imposto dagli Stati Uniti. In particolare, l'articolo si sofferma sugli aspetti più discussi relativi al rapporto fra etnopolitica ed efficienza del processo di assunzione delle decisioni: temi, qesti, che costituiscono l'oggetto di riforme costituzionali tentate a più riprese, ma fino ad ora fallite.
S. Bianchini
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/33997
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact