Il “caso Abu Omar” e le zone grigie dello stato costituzionale di diritto