Il saggio, specificamente dedicato allo studio dei numerosi prestiti virgiliani riscontrabili nei Tre libri della Humanità di Christo (1535), vuole da un lato fornire nuovo materiale ad un dibattito – quello del rapporto che lega il poeta latino all’autore dei Ragionamenti appunto – che appassiona gli studiosi da ormai qualche decennio; dall’altro si propone, attraverso l’osservazione delle ‘reazioni’ dei traduttori francesi – Jean de Vauzelles (1539) e Pierre de Larivey (1604) – di arricchire di nuove tessere, dunque di nuove sfumature, il complesso mosaico della ricezione francese di Aretino che è stato possibile ad oggi ricomporre.

Ancora su Aretino lettore dell’‘Eneide’: il caso dei ‘Tre libri della Humanità di Christo’, tra Italia e Francia

CONCONI, BRUNA
2006

Abstract

Il saggio, specificamente dedicato allo studio dei numerosi prestiti virgiliani riscontrabili nei Tre libri della Humanità di Christo (1535), vuole da un lato fornire nuovo materiale ad un dibattito – quello del rapporto che lega il poeta latino all’autore dei Ragionamenti appunto – che appassiona gli studiosi da ormai qualche decennio; dall’altro si propone, attraverso l’osservazione delle ‘reazioni’ dei traduttori francesi – Jean de Vauzelles (1539) e Pierre de Larivey (1604) – di arricchire di nuove tessere, dunque di nuove sfumature, il complesso mosaico della ricezione francese di Aretino che è stato possibile ad oggi ricomporre.
Rivoluzioni dell’antico
177
211
B. Conconi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/31073
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact