Antonio Labriola e la "filosofia immanente alle cose": alcune considerazioni