Commento al XXV convegno nazionale dell'Associazione italiana fra gli studiosi del processo civile