La logica del camaleonte. A proposito di Woody Allen e Zelig