“Marezzo” di Carlo Prosperi. Il “cantus obscurior” delle parole