L’articolo presenta i risultati di uno studio sperimentale che ha per oggetto l’emergere di forme organizzative e strategie di gestione delle risorse umane in un mercato del lavoro intellettuale. L’analisi condotta si focalizza sull’ipotesi che i processi produttivi siano caratterizzati da una forte componente di lavoro intellettuale e che l’ambiente economico sia dinamico, ovvero il tipo di conoscenze richieste cambi rapidamente. Abbiamo costruito un modello ad agenti per simulare un mercato in cui le imprese richiedono forza lavoro per coprire mansioni all’interno dell’impresa e decidono come selezionare e remunerare i dipendenti. I dipendenti, d’altra parte, che sono portatori di conoscenze, selezionano le imprese confrontando le offerte di lavoro. Utilizzando un approccio evoluzionistico, analizziamo come le strategie di assunzione e gestione delle risorse umane, che garantiscono la sopravvivenza, emergono da interconnessi processi di variazione, selezione e ritenzione. Gli esperimenti di simulazione suggeriscono che, al crescere del tasso di cambiamento dell’ambiente, in presenza di competenze la cui produttività dipende dall’inserimento in reti organizzative specifiche di conoscenze, l’utilizzo di contratti di assunzione a lungo termine risulta la strategia di successo che garantisce la sopravvivenza delle organizzazioni.

Economia della conoscenza, governo delle risorse umane e confini dell’impresa. Strategie organizzative emergenti in una simulazione ad agenti

MOLLONA, EDOARDO VINCENZO EUGENIO;
2006

Abstract

L’articolo presenta i risultati di uno studio sperimentale che ha per oggetto l’emergere di forme organizzative e strategie di gestione delle risorse umane in un mercato del lavoro intellettuale. L’analisi condotta si focalizza sull’ipotesi che i processi produttivi siano caratterizzati da una forte componente di lavoro intellettuale e che l’ambiente economico sia dinamico, ovvero il tipo di conoscenze richieste cambi rapidamente. Abbiamo costruito un modello ad agenti per simulare un mercato in cui le imprese richiedono forza lavoro per coprire mansioni all’interno dell’impresa e decidono come selezionare e remunerare i dipendenti. I dipendenti, d’altra parte, che sono portatori di conoscenze, selezionano le imprese confrontando le offerte di lavoro. Utilizzando un approccio evoluzionistico, analizziamo come le strategie di assunzione e gestione delle risorse umane, che garantiscono la sopravvivenza, emergono da interconnessi processi di variazione, selezione e ritenzione. Gli esperimenti di simulazione suggeriscono che, al crescere del tasso di cambiamento dell’ambiente, in presenza di competenze la cui produttività dipende dall’inserimento in reti organizzative specifiche di conoscenze, l’utilizzo di contratti di assunzione a lungo termine risulta la strategia di successo che garantisce la sopravvivenza delle organizzazioni.
Mollona; E.; Hales; D.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/27633
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact