‘Androna Campo Marzio’, pinpoints a site of great urban valence, currently the home of the Faculty of Humanities of the University of Trieste. In Roman times, the entrenched camp of ‘Tergeste’ and subsequently the saltworks overlooked the seafront and were linked to the ‘Sacchetta Dock’. During the 19th century, the vibrant ‘Borgo Giuseppino’ developed (1788-1824), modifying the structure of Le Rive, near the industrial estate of Campo Marzio. The very modern ‘Borland-Lloyd Arsenal’ (1835) rose next to the old ‘Lazzaretto di San Carlo’ (c.a 1730). The new layout sealed a crucial phase in the economic expansion of Trieste and the Adriatic port industry. The paper begins from the critical review of the tables of “Albo storico-topografico di Trieste” [Kandler, 1856], and places itself among the first modern urban-morphologic studies. Archive research, diachronic analysis, the survey of existing artefacts retraced the phases of the coastline morphologic modelling since the 17th century. (ITA) ‘Androna Campo Marzio’, individua un sito di grande valenza urbana, attuale sede delle Facoltà Umanistiche dell’Ateneo triestino. Affacciato sul Golfo, sul sito tradizionalmente denominato “Campo Marzio”, l’area era artificialmente collegata al ‘Molo della Sacchetta’ in prossimità delle antiche saline. Nel XIX sec., lo sviluppo del ‘Borgo Giuseppino’ (1788-1824), con l’impianto di strutture produttive, terziarie e direzionali, muterà profondamente la fisionomia delle Rive, lambendo il cluster industriale di Campo Marzio. In immediata prossimità al ‘Lazzaretto di San Carlo’ (1730) sorgerà qui l‘Arsenale ‘Borland-Lloyd’ (1835), decisivo per l’assetto urbano e l’espansione economico-portuale adriatica. Lo studio prende avvio dalla revisione critica delle tavole dell’ “Albo storico-topografico della città e del territorio di Trieste” [Kandler, 1856; Zorzon, 1989], prima ricerca moderna nel settore della morfologia urbana giuliana. Anticipata dagli studi del Coppo e Ireneo della Croce e Mainati [Mainati, 156, 106-7] e corredata da ricerche d’archivio, analisi diacronica su manufatti scomparsi ed esistenti, i rilievi ricostruiscono graficamente le fasi di modellazione morfologica del tratto costiero, dalla prima metà del Seicento al 1856.

Andreina Milan (2014). ‘Androna Campo Marzio’: l’arsenale perduto. Genesi protoindustriale triestina, tra ascesa e declino della portualità. Napoli : ESI (Edizioni Scientifiche Italiane).

‘Androna Campo Marzio’: l’arsenale perduto. Genesi protoindustriale triestina, tra ascesa e declino della portualità

MILAN, ANDREINA
2014

Abstract

‘Androna Campo Marzio’, pinpoints a site of great urban valence, currently the home of the Faculty of Humanities of the University of Trieste. In Roman times, the entrenched camp of ‘Tergeste’ and subsequently the saltworks overlooked the seafront and were linked to the ‘Sacchetta Dock’. During the 19th century, the vibrant ‘Borgo Giuseppino’ developed (1788-1824), modifying the structure of Le Rive, near the industrial estate of Campo Marzio. The very modern ‘Borland-Lloyd Arsenal’ (1835) rose next to the old ‘Lazzaretto di San Carlo’ (c.a 1730). The new layout sealed a crucial phase in the economic expansion of Trieste and the Adriatic port industry. The paper begins from the critical review of the tables of “Albo storico-topografico di Trieste” [Kandler, 1856], and places itself among the first modern urban-morphologic studies. Archive research, diachronic analysis, the survey of existing artefacts retraced the phases of the coastline morphologic modelling since the 17th century. (ITA) ‘Androna Campo Marzio’, individua un sito di grande valenza urbana, attuale sede delle Facoltà Umanistiche dell’Ateneo triestino. Affacciato sul Golfo, sul sito tradizionalmente denominato “Campo Marzio”, l’area era artificialmente collegata al ‘Molo della Sacchetta’ in prossimità delle antiche saline. Nel XIX sec., lo sviluppo del ‘Borgo Giuseppino’ (1788-1824), con l’impianto di strutture produttive, terziarie e direzionali, muterà profondamente la fisionomia delle Rive, lambendo il cluster industriale di Campo Marzio. In immediata prossimità al ‘Lazzaretto di San Carlo’ (1730) sorgerà qui l‘Arsenale ‘Borland-Lloyd’ (1835), decisivo per l’assetto urbano e l’espansione economico-portuale adriatica. Lo studio prende avvio dalla revisione critica delle tavole dell’ “Albo storico-topografico della città e del territorio di Trieste” [Kandler, 1856; Zorzon, 1989], prima ricerca moderna nel settore della morfologia urbana giuliana. Anticipata dagli studi del Coppo e Ireneo della Croce e Mainati [Mainati, 156, 106-7] e corredata da ricerche d’archivio, analisi diacronica su manufatti scomparsi ed esistenti, i rilievi ricostruiscono graficamente le fasi di modellazione morfologica del tratto costiero, dalla prima metà del Seicento al 1856.
2014
Città mediterranee in trasformazione Identità e immagine del paesaggio urbano tra Sette e Novecento
553
567
Andreina Milan (2014). ‘Androna Campo Marzio’: l’arsenale perduto. Genesi protoindustriale triestina, tra ascesa e declino della portualità. Napoli : ESI (Edizioni Scientifiche Italiane).
Andreina Milan
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/267135
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact