Il workshop, secondo l'opinione dell'autore, ha messo in luce l'attualità e la centralità degli studi sul controllo di gestione in Economia Aziendale, nonostante la grande quantità di lavori che sul tema si é prodotta in tutto il mondo. Gli studiosi italiani non se ne possono certo meravigliare, poiché l'Economia Aziendale, come disciplina che studia il "Sistema-Azienda" con finalità normative, non può non coltivare l'approfondimento di tutte quelle attività che inducono a un razionale prodursi delle decisioni, dalle quali conseguono i risultati, in grado a loro volta di esprimere i necessari equilibri e, soprattutto, di realizzare le finalità aziendali. Queste ultime vanno ricercate nella creazione di utilità, meglio declinabile come valore con riferimento alle aziende lucrative. La razionalità del processo decisionale si lega, se ne é avuta la conferma in questo workshop, al controllo di gestione, da intendersi però, in modo sempre più evidente, come vero sistema di controllo manageriale; depurato pertanto da ogni incrostazione di tipo burocratico; continuamente vivificato dal rapporto dinamico che sempre lega l'azienda con l'ambiente; costruito nella piena considerazione della dimensione sia temporale che spaziale. Non solo, quindi, l'argomento é attuale, ma é necessario, sia allo studioso di cose aziendali, sia all'operatore, in un continuo scambio di indicazioni e di stimoli. Circa le indicazioni, nel contributo vengono individuati alcuni orientamenti oggi presenti e validi, si può pensare, per il prossimo futuro.

Attualità e centralità degli studi sul controllo di gestione in economia aziendale

FARNETI, GIUSEPPE
2004

Abstract

Il workshop, secondo l'opinione dell'autore, ha messo in luce l'attualità e la centralità degli studi sul controllo di gestione in Economia Aziendale, nonostante la grande quantità di lavori che sul tema si é prodotta in tutto il mondo. Gli studiosi italiani non se ne possono certo meravigliare, poiché l'Economia Aziendale, come disciplina che studia il "Sistema-Azienda" con finalità normative, non può non coltivare l'approfondimento di tutte quelle attività che inducono a un razionale prodursi delle decisioni, dalle quali conseguono i risultati, in grado a loro volta di esprimere i necessari equilibri e, soprattutto, di realizzare le finalità aziendali. Queste ultime vanno ricercate nella creazione di utilità, meglio declinabile come valore con riferimento alle aziende lucrative. La razionalità del processo decisionale si lega, se ne é avuta la conferma in questo workshop, al controllo di gestione, da intendersi però, in modo sempre più evidente, come vero sistema di controllo manageriale; depurato pertanto da ogni incrostazione di tipo burocratico; continuamente vivificato dal rapporto dinamico che sempre lega l'azienda con l'ambiente; costruito nella piena considerazione della dimensione sia temporale che spaziale. Non solo, quindi, l'argomento é attuale, ma é necessario, sia allo studioso di cose aziendali, sia all'operatore, in un continuo scambio di indicazioni e di stimoli. Circa le indicazioni, nel contributo vengono individuati alcuni orientamenti oggi presenti e validi, si può pensare, per il prossimo futuro.
2004
L'evoluzione del controllo di gestione. Modelli ed esperienze
835
837
Farneti G.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/23733
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact