Il chimico torinese C.L. Morozzo (1743-1804), coetaneo di Lavoisier e abile sperimentatore, è un personaggio su cui gli storici hanno emesso giudizi contrastanti. Il presente lavoro getta uno sguardo sulla vita e l'opera di Morozzo, assumendo come riferimento culturale la transizione fra la teoria del flogisto e la rivoluzione chimica di Lavoisier.

Carlo Ludovico Morozzo, un chimico geniale al confine fra Stahl e Lavoisier

TADDIA, MARCO
2005

Abstract

Il chimico torinese C.L. Morozzo (1743-1804), coetaneo di Lavoisier e abile sperimentatore, è un personaggio su cui gli storici hanno emesso giudizi contrastanti. Il presente lavoro getta uno sguardo sulla vita e l'opera di Morozzo, assumendo come riferimento culturale la transizione fra la teoria del flogisto e la rivoluzione chimica di Lavoisier.
2005
M. Taddia
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/21572
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact