La comunicazione delle cattive notizie e la comunicazione medico-paziente: una questione professionale