Il limite estremo della Bologna moderna: dal campo trincerato alla piazzaforte permanente