Secondo Ottocento italiano: melodramma desaparecido?