Si riesamina l’iconografia di un personaggio maschile abbigliato all’assira, intento ad afferrare un elemento a profilo ondulato, su un rasoio cartaginese attualmente al Museo del Bardo. Partendo dalle suggestive analogie ravvisabili con alcuni celebri avori di Nimrud, provenienti dal vano SW7 del Fort Shalmaneser, si ipotizza una connessione del motivo con l’antico mito di Gilgamesh e l’albero ḫuluppu, forse reinterpretato alla luce della mitologia di Melqart

Da Nimrud a Cartagine. Rilettura iconografica di un rasoio punico al Museo del Bardo

SECCI, RAIMONDO
2013

Abstract

Si riesamina l’iconografia di un personaggio maschile abbigliato all’assira, intento ad afferrare un elemento a profilo ondulato, su un rasoio cartaginese attualmente al Museo del Bardo. Partendo dalle suggestive analogie ravvisabili con alcuni celebri avori di Nimrud, provenienti dal vano SW7 del Fort Shalmaneser, si ipotizza una connessione del motivo con l’antico mito di Gilgamesh e l’albero ḫuluppu, forse reinterpretato alla luce della mitologia di Melqart
R. Secci
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/198336
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact