Si tratta di ricordi romani personali di Cesare Gnudi ai quali si intreccia, nel dialogo, la tesi di un precoce affermarsi, a Bologna come nella capitale, di un aulico classicismo in architettura (Domenico Tibaldi, Ottaviano Mascarino, Domenichino, Giovanni Francesco Grimaldi e l'Albani).

Ancora sulla presenza a Roma di architetti bolognesi fra Cinquecento e Seicento

MATTEUCCI ARMANDI AVOGLITROTTI, ANNA MARIA
2004

Abstract

Si tratta di ricordi romani personali di Cesare Gnudi ai quali si intreccia, nel dialogo, la tesi di un precoce affermarsi, a Bologna come nella capitale, di un aulico classicismo in architettura (Domenico Tibaldi, Ottaviano Mascarino, Domenichino, Giovanni Francesco Grimaldi e l'Albani).
Cesare Gnudi: l'impegno nelle Belle Arti
195
205
A.M. Matteucci Armandi Avoglitrotti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/18826
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact