Guardare le figure. A proposito di J. Franzen