Da Fernando Távora una lezione di lentezza