In molte occasioni, operatori professionali di diversa estrazione, ma soprattutto di area sanitaria, sono chiamati a svolgere missioni internazionali umanitarie. Nell’ambito di tali interventi si pone non di rado una questione molto particolare, ma per nulla secondaria: allorché uomini e mezzi appartenenti ad una nazione, si trovino a compiere operazioni, specie in situazioni di emergenza, in un’altra nazione, fuori territorio appunto, entro quale raggio d’azione possono muoversi, senza incorrere in responsabilità? Quali sono gli obblighi che essi debbono rispettare? E in particolare: sono soggetti alle leggi locali? Sono soggetti alle leggi del Paese a cui appartengono? O ad entrambe? Il problema si è posto in diverse occasioni, ed è stato sollevato soprattutto dal personale impegnato nei programmi alimentari: quali regole di igiene vanno applicate e rispettate? E’ evidente che un’applicazione delle norme europee sull’igiene delle produzioni zootecniche (ad esempio), o sulla qualità e conservazione degli alimenti, rischierebbe di provocare la paralisi di molti di quei programmi. D’altra parte, il rischio di incorrere in responsabilità per la mancata applicazione delle norme è avvertito come incombente. A questo tema gli AA dedicano alcune riflessioni.

I diritti umanitari non hanno confini

PELI, ANGELO;PECCOLO, GIAMPAOLO;CINOTTI, STEFANO
2004

Abstract

In molte occasioni, operatori professionali di diversa estrazione, ma soprattutto di area sanitaria, sono chiamati a svolgere missioni internazionali umanitarie. Nell’ambito di tali interventi si pone non di rado una questione molto particolare, ma per nulla secondaria: allorché uomini e mezzi appartenenti ad una nazione, si trovino a compiere operazioni, specie in situazioni di emergenza, in un’altra nazione, fuori territorio appunto, entro quale raggio d’azione possono muoversi, senza incorrere in responsabilità? Quali sono gli obblighi che essi debbono rispettare? E in particolare: sono soggetti alle leggi locali? Sono soggetti alle leggi del Paese a cui appartengono? O ad entrambe? Il problema si è posto in diverse occasioni, ed è stato sollevato soprattutto dal personale impegnato nei programmi alimentari: quali regole di igiene vanno applicate e rispettate? E’ evidente che un’applicazione delle norme europee sull’igiene delle produzioni zootecniche (ad esempio), o sulla qualità e conservazione degli alimenti, rischierebbe di provocare la paralisi di molti di quei programmi. D’altra parte, il rischio di incorrere in responsabilità per la mancata applicazione delle norme è avvertito come incombente. A questo tema gli AA dedicano alcune riflessioni.
ETICA PER LE PROFESSIONI
A. Peli; G. Peccolo; S. Cinotti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/16522
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact