La ‘non scena’ di Koltès: sui nuovi confini del racconto teatrale