La politica estera di Kerry, tra interventismo liberal e cautele neo-realiste