“Abbellimento” o piatto forte? Il formaggio tra ricchi e poveri nella cultura gastronomica italiana