La cultura italiana discrimina il turista europeo?