Il volume analizza l'evoluzione dell'atteggiamento della sfera politica nei riguardi del nascente consumo di massa nell'Italia repubblicana. La diffusione dei consumi rappresentò infatti una sfida per la classe politica repubblicana per effetto dei mutamenti nei comportamenti individuali e collettivi che produceva. La ricerca copre un arco cronologico che parte dalla fine degli anni Cinquanta e arriva fino agli anni Ottanta e mostra come le diverse culture politiche italiane ( cattolici, comunisti e laici) abbiano affrontato il consumismo emergente fornendo risposte contraddittorie. Il volume mostra prima di tutto la persistenza di un'etica della parsimonia, parallela alla diffusione dei consumi, che riduceva la capacità della classe politica di integrare la dinamica dei consumi nella propria proposta politica. Di fronte alla diffusione dei consumi, peraltro rallentata dal persistere di disuguaglianze nella distribuzione del reddito, le elite politiche ed intellettuali hanno oscillato tra la promozione di modelli di consumo proposti come forma di emancipazione ( come quelli proposti dall'ENI) e il tentativo di controllare e indirizzare il nascente consumismo al fine di evitarne le forme considerate più estreme e/o di contrapporre consumi individuali a consumi collettivi ritenuti.

Consumi e politica nell'Italia repubblicana

CAVAZZA, STEFANO
2013

Abstract

Il volume analizza l'evoluzione dell'atteggiamento della sfera politica nei riguardi del nascente consumo di massa nell'Italia repubblicana. La diffusione dei consumi rappresentò infatti una sfida per la classe politica repubblicana per effetto dei mutamenti nei comportamenti individuali e collettivi che produceva. La ricerca copre un arco cronologico che parte dalla fine degli anni Cinquanta e arriva fino agli anni Ottanta e mostra come le diverse culture politiche italiane ( cattolici, comunisti e laici) abbiano affrontato il consumismo emergente fornendo risposte contraddittorie. Il volume mostra prima di tutto la persistenza di un'etica della parsimonia, parallela alla diffusione dei consumi, che riduceva la capacità della classe politica di integrare la dinamica dei consumi nella propria proposta politica. Di fronte alla diffusione dei consumi, peraltro rallentata dal persistere di disuguaglianze nella distribuzione del reddito, le elite politiche ed intellettuali hanno oscillato tra la promozione di modelli di consumo proposti come forma di emancipazione ( come quelli proposti dall'ENI) e il tentativo di controllare e indirizzare il nascente consumismo al fine di evitarne le forme considerate più estreme e/o di contrapporre consumi individuali a consumi collettivi ritenuti.
176
9788815241221
Stefano Cavazza
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/137660
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact