Ungaretti, Petrarca, Gòngora: per una rilettura