Corporalità e crudeltà nella poesia degli anni Sessanta