A proposito di un parere sull'edizione Marsilio della "Serva amorosa" goldoniana