Religione, valori e welfare state: il caso italiano