I ragionamenti di Pellegrino Salvigni a proposito di una svista di Lavoisier