Il consumo come area esperenziale