Il presente contributo si propone di mettere in evidenza alcune tendenze in tema di nuove esigenze di tutela della persona in una "società aperta", in continuo cambiamento, in un contesto, dunque, che difficilmente può avere confini certi e marcati. Tale difficoltà è dovuta al complesso concetto di società multiculturale, oggi, neppure pacificamente accolto dai sociologi, oltre che dai giuristi. Tra le varie definizioni, a quella più restrittiva - che qualifica come multiculturale la società in cui convivono, appunto, più culture, anche molto differenti l'una dall'altra (e spesso connesse ai fenomeni migratori) - se ne accosta un'altra più ampia, volta ad includervi anche quei contesti in cui si verificano conflitti derivanti dall'appartenenza a minoranze che rivendicano specifiche forme di tutela della loro diversità (così MARTINELLO, 2000, 882) e che tipicamente distinguono quella che per molti è la società plurale. Del resto le esigenze delle minoranze (dei "diversi") sia per motivi di origine nazionale o etnica, sia per l'appartenenza a categorie sottoprotette, sono ormai le medesime, o almeno sembrano esserlo trasversalmente in tutti gli ordinamenti del vecchio continente che hanno conosciuto minori fenomeni multiculturali nella loro fase costitutiva (se confrontati ad altri ordinamenti come quelli di Stati Uniti, o Canada nella quale Costituzione per la prima volta veniva menzionata al parola multiculturalismo). Al di là delle nozioni e delle categorie, come detto, la presente ricerca ha voluto indagare le nuove esigenze di tutela della persona nella società che cambia, mettendo a fuoco casi concreti in grado essi stessi di descrivere l'evoluzione sociale, a tutela delle minoranze e della diversità "essenza della democrazia" (per dirla alla Kelsen).

Appunti per una ricerca sulle nuove esigenze di tutela della persona nella società multiculturale

RAFFIOTTA, EDOARDO CARLO
2012

Abstract

Il presente contributo si propone di mettere in evidenza alcune tendenze in tema di nuove esigenze di tutela della persona in una "società aperta", in continuo cambiamento, in un contesto, dunque, che difficilmente può avere confini certi e marcati. Tale difficoltà è dovuta al complesso concetto di società multiculturale, oggi, neppure pacificamente accolto dai sociologi, oltre che dai giuristi. Tra le varie definizioni, a quella più restrittiva - che qualifica come multiculturale la società in cui convivono, appunto, più culture, anche molto differenti l'una dall'altra (e spesso connesse ai fenomeni migratori) - se ne accosta un'altra più ampia, volta ad includervi anche quei contesti in cui si verificano conflitti derivanti dall'appartenenza a minoranze che rivendicano specifiche forme di tutela della loro diversità (così MARTINELLO, 2000, 882) e che tipicamente distinguono quella che per molti è la società plurale. Del resto le esigenze delle minoranze (dei "diversi") sia per motivi di origine nazionale o etnica, sia per l'appartenenza a categorie sottoprotette, sono ormai le medesime, o almeno sembrano esserlo trasversalmente in tutti gli ordinamenti del vecchio continente che hanno conosciuto minori fenomeni multiculturali nella loro fase costitutiva (se confrontati ad altri ordinamenti come quelli di Stati Uniti, o Canada nella quale Costituzione per la prima volta veniva menzionata al parola multiculturalismo). Al di là delle nozioni e delle categorie, come detto, la presente ricerca ha voluto indagare le nuove esigenze di tutela della persona nella società che cambia, mettendo a fuoco casi concreti in grado essi stessi di descrivere l'evoluzione sociale, a tutela delle minoranze e della diversità "essenza della democrazia" (per dirla alla Kelsen).
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/130610
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact