L’oggetto del presente studio è il comportamento del collegamento in fondazione di pilastri in strutture prefabbricate. Il nodo di fondazione nei sistemi prefabbricati risulta essere cruciale al fine di garantire l’iperstaticità della struttura, inoltre, dal un punto di vista sismico, la continuità del nodo pilastro fondazione si traduce nella possibilità di sfruttare le capacità deformative dei pilastri garantendo la formazione di cerniere plastiche alla base degli stessi. Nel sistema costruttivo studiato i ferri di ripresa alla base del pilastro vengono introdotti nella fondazione, in fase di montaggio del sistema, mediante degli appositi scatolari di alloggiamento in acciaio, i quali vengono poi riempiti di malta ad alta resistenza al fine di garantire la monoliticità del nodo in opera. L’obiettivo dell’attività sperimentale è quello di investigare l’efficacia dell’aderenza delle barre di armatura posizionate all’interno degli scatolari metallici annegati nella fondazione, sia all’interfaccia esterno fra scatolare e calcestruzzo, che all’interfaccia interno fra malta e barre d’armatura del pilastro. Sono state svolte quindi prove di pull out per indagare lo sfilamento della barra dal getto di malta e dal suo alloggiamento in fondazione. A tal fine sono stati realizzati provini con diverse lunghezze di ancoraggio per determinare l’efficacia dell’aderenza del collegamento. La lunghezza di ancoraggio non è stato l’unico parametro investigato, infatti le prove di pull out sono state svolte applicando sia una forza verticale di tipo monotono che applicando un carico ciclico. Sono stati predisposti anche alcuni provini in cui le barre d’armatura, prima di essere sottoposte alle prove di pull out, sia monotone che cicliche, sono state sottoposte anche a cicli di forze orizzontali, in modo tale da osservare le conseguenze sull’aderenza a sfilamento delle barre indotte dalla trasmissione di forze orizzontali. I cicli di carico, sia verticali che orizzontali, sono volti alla caratterizzazione dell’aderenza delle barre in presenza degli effetti dinamici dovuti ad un sisma. Lo scopo è quello di avere sufficiente conoscenza del comportamento del nodo di fondazione in modo da poter caratterizzare la risposta strutturale di strutture prefabbricate con nodi gettati in opera.

PROVE DI PULL-OUT SU UN SISTEMA DI ANCORAGGIO PER STRUTTURE PREFABBRICATE

MAZZOTTI, CLAUDIO;BACCI, LORENZO
2012

Abstract

L’oggetto del presente studio è il comportamento del collegamento in fondazione di pilastri in strutture prefabbricate. Il nodo di fondazione nei sistemi prefabbricati risulta essere cruciale al fine di garantire l’iperstaticità della struttura, inoltre, dal un punto di vista sismico, la continuità del nodo pilastro fondazione si traduce nella possibilità di sfruttare le capacità deformative dei pilastri garantendo la formazione di cerniere plastiche alla base degli stessi. Nel sistema costruttivo studiato i ferri di ripresa alla base del pilastro vengono introdotti nella fondazione, in fase di montaggio del sistema, mediante degli appositi scatolari di alloggiamento in acciaio, i quali vengono poi riempiti di malta ad alta resistenza al fine di garantire la monoliticità del nodo in opera. L’obiettivo dell’attività sperimentale è quello di investigare l’efficacia dell’aderenza delle barre di armatura posizionate all’interno degli scatolari metallici annegati nella fondazione, sia all’interfaccia esterno fra scatolare e calcestruzzo, che all’interfaccia interno fra malta e barre d’armatura del pilastro. Sono state svolte quindi prove di pull out per indagare lo sfilamento della barra dal getto di malta e dal suo alloggiamento in fondazione. A tal fine sono stati realizzati provini con diverse lunghezze di ancoraggio per determinare l’efficacia dell’aderenza del collegamento. La lunghezza di ancoraggio non è stato l’unico parametro investigato, infatti le prove di pull out sono state svolte applicando sia una forza verticale di tipo monotono che applicando un carico ciclico. Sono stati predisposti anche alcuni provini in cui le barre d’armatura, prima di essere sottoposte alle prove di pull out, sia monotone che cicliche, sono state sottoposte anche a cicli di forze orizzontali, in modo tale da osservare le conseguenze sull’aderenza a sfilamento delle barre indotte dalla trasmissione di forze orizzontali. I cicli di carico, sia verticali che orizzontali, sono volti alla caratterizzazione dell’aderenza delle barre in presenza degli effetti dinamici dovuti ad un sisma. Lo scopo è quello di avere sufficiente conoscenza del comportamento del nodo di fondazione in modo da poter caratterizzare la risposta strutturale di strutture prefabbricate con nodi gettati in opera.
Atti 19° Congresso C.T.E.Bologna 8-9-10 novembre 2012
313
319
C. Mazzotti; L. Bacci
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/130548
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact