Edipo senza incesto, o come le riscritture influenzano la critica