La Besnoitiosi bovina è una malattia protozoaria emergente. In Italia, sono stati riconosciuti infetti bovini autoctoni, nati e allevati nel paese. Un caso clinico di Besnoitiosi in Piemonte (Italia nord-occidentale) e le successive indagini biomolecolari e sierologiche di conferma sono descritti nel presente lavoro. Da un bovino maschio di 6 mesi, di razza Charolais, proveniente da Gap-Barcellonette (Francia), che presentava febbre elevata oltre 41°C, congiuntivite, scolo nasale sieroso, cute ispessita e orchite necrotizzante bilaterale, sono stati prelevati, in sede di macellazione, milza, sangue intero, cute e parenchima testicolare. Su tutti i tessuti sono state eseguite indagini biomolecolari tramite metodica PCR. La presenza di anticorpi specifici è stata confermata con test ELISA indiretto sia nell'animale sintomatico, sia in 12 animali asintomatici provenienti dallo stesso allevamento. La PCR ha permesso di rilevare DNA di B. besnoiti in cute e testicoli del bovino in esame. Questo caso sintomatico riscontato in un vitello di origine francese è probabilmente riconducibile a un’infezione contratta in Francia, ma riscontrata in un allevamento all’ingrasso piemontese, e fornisce un dato importante per monitorare l’espansione della patologia in Italia e in Europa. Inoltre, conferma l’attendibilità diagnostica della PCR su cute e parenchima testicolare.

INDIVIDUAZIONE IN PIEMONTE DI UN FOCOLAIO DI BESNOITIOSI IN BOVINI PROVENIENTI DALLA FRANCIA.

MILITERNO, GIANFRANCO;BASSI, PATRIZIA;
2012

Abstract

La Besnoitiosi bovina è una malattia protozoaria emergente. In Italia, sono stati riconosciuti infetti bovini autoctoni, nati e allevati nel paese. Un caso clinico di Besnoitiosi in Piemonte (Italia nord-occidentale) e le successive indagini biomolecolari e sierologiche di conferma sono descritti nel presente lavoro. Da un bovino maschio di 6 mesi, di razza Charolais, proveniente da Gap-Barcellonette (Francia), che presentava febbre elevata oltre 41°C, congiuntivite, scolo nasale sieroso, cute ispessita e orchite necrotizzante bilaterale, sono stati prelevati, in sede di macellazione, milza, sangue intero, cute e parenchima testicolare. Su tutti i tessuti sono state eseguite indagini biomolecolari tramite metodica PCR. La presenza di anticorpi specifici è stata confermata con test ELISA indiretto sia nell'animale sintomatico, sia in 12 animali asintomatici provenienti dallo stesso allevamento. La PCR ha permesso di rilevare DNA di B. besnoiti in cute e testicoli del bovino in esame. Questo caso sintomatico riscontato in un vitello di origine francese è probabilmente riconducibile a un’infezione contratta in Francia, ma riscontrata in un allevamento all’ingrasso piemontese, e fornisce un dato importante per monitorare l’espansione della patologia in Italia e in Europa. Inoltre, conferma l’attendibilità diagnostica della PCR su cute e parenchima testicolare.
Società Italiana di Diagnostica di Laboratorio Veterinaria - XIV Congresso Nazionale S.I.Di.L.V. - VOLUME DEGLI ATTI
154
154
Biolatti P.G.; Valentini L.; Militerno G.; Bassi P.; Gennero M.S.; Bergagna S.; Zanet S.; Ferroglio E.; Scaglione F.E.; Bollo E.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/129735
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact