Felice Foresti, pretore di Crespino. Un protagonista controverso della Carboneria polesana