I “beni culturali” nella committenza e nella cura dei Vescovi. Il modello tardoantico