Il bambino e l’adulto nella «Vita» di Alfieri: continuità o frattura?