La comunicazione rappresenta una forma di potere capace di influenzare l'opinione pubblica nazionale e internazionale. I media, di fatto, possono trasformare un caso insignificante in una grande notizia o far completamente ignorare la portata di un evento rilevante. La maggior parte di ciò che sappiamo della nostra società e del mondo lo apprendiamo dai media. Le organizzazioni umanitarie e i movimenti attivi nella solidarietà e nella cooperazione internazionale sono oggi le istituzioni socio-culturali che promuovono una nuova azione politica e una diversa rappresentazione del fenomeno migratorio. Le loro produzioni discorsive e visive influenzano le pratiche e le politiche riguardanti lo sviluppo e la sicurezza. Gli stessi media, l’immaginario collettivo e la cultura materiale rafforzano i loro sistemi di produzione e ricezione della conoscenza. Il saggio si propone di analizzare le rappresentazioni della “narrativa umanitaria”. Intendendo con questo termine un insieme di pratiche discorsive e di oggetti culturali (letteratura, film, marketing, media e comunicazione, arte) prodotti da istituzioni e organizzazioni, locali e transnazionali, che fanno leva su valori universali, quali i diritti umani o la cittadinanza mondiale, per incidere sul riequilibrio delle disuguaglianze globali.

L’industria delle catastrofi. Beneficenza mediatica e immaginario etico

MUSARO', PIERLUIGI
2006

Abstract

La comunicazione rappresenta una forma di potere capace di influenzare l'opinione pubblica nazionale e internazionale. I media, di fatto, possono trasformare un caso insignificante in una grande notizia o far completamente ignorare la portata di un evento rilevante. La maggior parte di ciò che sappiamo della nostra società e del mondo lo apprendiamo dai media. Le organizzazioni umanitarie e i movimenti attivi nella solidarietà e nella cooperazione internazionale sono oggi le istituzioni socio-culturali che promuovono una nuova azione politica e una diversa rappresentazione del fenomeno migratorio. Le loro produzioni discorsive e visive influenzano le pratiche e le politiche riguardanti lo sviluppo e la sicurezza. Gli stessi media, l’immaginario collettivo e la cultura materiale rafforzano i loro sistemi di produzione e ricezione della conoscenza. Il saggio si propone di analizzare le rappresentazioni della “narrativa umanitaria”. Intendendo con questo termine un insieme di pratiche discorsive e di oggetti culturali (letteratura, film, marketing, media e comunicazione, arte) prodotti da istituzioni e organizzazioni, locali e transnazionali, che fanno leva su valori universali, quali i diritti umani o la cittadinanza mondiale, per incidere sul riequilibrio delle disuguaglianze globali.
SALUTE E SOCIETÀ
P. Musaro
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/127661
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact