L’utilizzo di finiture fotocatalitiche per il restauro architettonico richiede un’attenta valutazione non solo della loro efficacia in termini di capacità autopulente, ma anche della effettiva compatibilità con i materiali pre-esistenti. In questo lavoro viene presentato uno studio preliminare sull’applicazione di una finitura a base di TiO2 su intonaci di restauro, ai fini di una sperimentazione di tale tipo di trattamento nella facciata di un edificio settecentesco nel centro storico di Bologna.

Finiture fotocatalitiche per il restauro architettonico: un studio preliminare per la facciata dell'ex Albergo del Corso a Bologna nell'ottica della compatibillità

FRANZONI, ELISA;FREGNI, ALBERTO;SISTI, LAURA;
2012

Abstract

L’utilizzo di finiture fotocatalitiche per il restauro architettonico richiede un’attenta valutazione non solo della loro efficacia in termini di capacità autopulente, ma anche della effettiva compatibilità con i materiali pre-esistenti. In questo lavoro viene presentato uno studio preliminare sull’applicazione di una finitura a base di TiO2 su intonaci di restauro, ai fini di una sperimentazione di tale tipo di trattamento nella facciata di un edificio settecentesco nel centro storico di Bologna.
Atti del XI Convegno Nazionale AIMAT
251
254
E. Franzoni; A. Fregni; L. Sisti; S. Gori
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/127109
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact