Una nuova presenza trecentesca in San Giacomo Maggiore