Il c.52 di Catullo: considerazioni metrico stilistiche