Giurista e pastore: il buon governo della diocesi